marshall stanmore

Marshall Stanmore: Recensione della Cassa Bluetooth Linea Multi-Room

Dalle opzioni di connessione all’estetica generale, l’altoparlante bluetooth Marshall Stanmore ha tutto, ma dovrai anche pagarlo.

La Marshall può essere conosciuta per i suoi amplificatori leggendari, ma si sta facendo un nome anche tra i fruitori del suono. Adesso sono già arrivati a più di un paio di anni di esperienza nella produzione di casse e cuffie. Quanto alle casse bluetooth, pensiamo che abbiano finalmente fatto il colpo con tutto quanto si possa cercare in una cassa bluetooth domestica.

 

marshall stanmore

 

Quando apri la scatola, vedrai la cassa ben avvolta in un panno in microfibra con alcune informazioni sulla garanzia, il libretto di istruzioni e un alimentatore per la presa a muro.

 

 

Marshall Stanmore: Design e Costruzione

Marshall Stanmore Multi-room è avvolta da un rivestimento in pelle.

Se hai visto già un amplificatore Marshall in passato (o anche una loro cassa precedente), il design di questo modello non dovrebbe sorprenderti. Sul davanti troverai un logo gigante e, anche se spesso i loghi sono antiestetici, il logo della Marshall non si può odiare.

La cassa bluetooth della Marshall è piuttosto pesante, circa 4,7 kg. La potrai muovere in casa abbastanza facilmente, ma avrai problemi a trasportarla altrove. Non è pensata affinché possa essere trasportata di frequente, quindi basta scegliere un bel posto in casa o in appartamento e lasciarla lì, a fare la sa bella figura.

Non che la si potrebbe comunque portare ovunque, anche se si fosse Ercole, visto che necessita di essere collegata a un muro ogni momento. Ma del resto, la nota positiva è il suo design, bello, indipendentemente da dove la si piazzi.

L’abbiamo provata sul tavolo della cucina, sul tavolino da caffè e sul bancone della cucina e non sembrava fuori posto mai. Quindi, dal punto di vista del design, la cassa bluetooth Marshall Stanmore è inattaccabile.

Il classico logo Marshall ti guarda direttamente dalla griglia anteriore, mentre sulla parte posteriore ci sono alcuni ingressi che includono quello per l’alimentatore, RCA e micro USB. Se preferisci connetterti ai tuoi altoparlanti tramite cavi standard da 3,5 mm, non preoccuparti: Marshall Stanmore ha mantenuto quell’input, solo che non lo troverai sul retro. È in alto, accanto ai quattro pomelli zigrinati e alcuni pulsanti. Entreremo più nel merito della loro esatta funzione nel prossimo paragrafo, ma anticipiamo che le manopole sono la nostra parte preferita di questa cassa bluetooth.

Il volume, i bassi e le manopole degli alti sono lisci, quasi burrosi, e l’ultima manopola di input ha un clic che dà soddisfazione.

Alcune persone potrebbero non apprezzare il design classico di questa cassa bluetooth, ma per quanto riguarda la qualità costruttiva Marshall, secondo noi, ha fatto centro.

 

 

Connessione

Marshall Stanmore ha 7 preset disponibili e compatibilità con Bluetooth, WiFi, RCA e Aux.

Come avrai intuito dal nome di questa cassa, la Stanmore Multi-room può essere collegata ad altri altoparlanti Marshall. Abbiamo provato con un vecchio modello e possiamo confermare la compatibilità.

Ci sono tre casse di dimensioni diverse nella linea Multi-Room insieme alla Stanmore, che è quella di dimensioni medie. Ovviamente questo significa che questa cassa si connette tramite il router WiFi, quindi dovrai scaricare l’app e installarla. Una volta connessa, puoi sfruttare tutti gli aspetti positivi offerti dall’avere un altoparlante Wi-Fi, come avere le stazioni radio internet che puoi salvare in uno dei 7 preset della cassa.

Inoltre, è compatibile con Airplay, Chromecast integrato e Spotify Connect, quindi una volta che è tutto configurato con il WiFi, la riproduzione della musica sarà estremamente semplice. Naturalmente, la connessione è impeccabile: zero salti. Puoi anche collegarti alla cassa via Bluetooth, perfetto quando hai gente a casa e non voglio scaricare l’app o connettersi prima al wi-fi.

 

Marshall Stanmore: Qualità del suono

Come è giusto aspettarsi da una cassa di queste dimensioni, Marshall Stanmore può essere davvero rumorosa. Mantenere il volume al 50% è più che sufficiente per ascoltare musica in tutto l’appartamento, mentre con il 70% ho raggiunto il livello di tollerabilità dei vicini. La cosa positiva di questa cassa è che, proprio come tutte le casse prodotte da Marshall, puoi scegliere se dare risalto al basso o agli acuti con le due corrispondenti manopole in alto.

Non è una sorpresa che i bassi siano fantastici in una cassa di queste dimensioni. La linea di basso della canzone “En El Muelle De San Blas” di Mana è piena di profondità e si intreccia benissimo nelle canzoni. Volendo essere pignoli, il calo qualitativo tocca leggermente la batteria. Se le linee di basso sono chiare e controllate, la batteria sembra un po’ vuota.

È stato il caso di alcune canzoni quando arrivavano i medi. Abbiamo capito che la chiarezza del basso sporca leggermente le altre, e abbiamo alzato gli acuti e abbassato le manopole del basso del 10% ciascuna. In qualche modo, si è risolto a volumi più alti. Per quanto riguarda gli alti, abbiamo trovato la Marshall Stanmore ottima nell’evitare la durezza delle campane nell’introduzione di “Little Wing” di Jimi Hendrix senza sacrificare la grinta della chitarra.

 

 

Marshall Stanmore: Watt e Altre Caratteristiche

  • Potenza: 20 Watt
  • Dimensioni: 350 x 185 x 185 mm
  • Marshall Stanmore Multi-room è avvolto in pelle con accenti dorati.
  • Sul retro ci sono gli input (tranne l’aux, che si trova in alto)
  • Estetica classica.
  • 7 preset disponibili e compatibilità con Bluetooth, WiFi, RCA e Aux
  • Se hai più di un altoparlante, puoi collegare le casse a più persone e controllarle tramite l’app.
  • Il classico logo Marshall ti fissa direttamente dalla griglia anteriore
  • La cassa bluetooth Marshall Stanmore pesa circa 4,7 kg, quindi non è molto portabile
  • Le manopole sono estremamente lisce e si sentono benissimo quando si regola il volume.

 

 

Conclusione

Nessuna lamentela degna di questo nome. La cassa bluetooth Marshall Stanmore Anche se ci dispiace dirlo, crediamo si possa considerare il suono di questa cassa “caldo”, con enfasi sulle frequenze più basse, ma aggiunge una consistenza alla musica che ci riporta all’età di 16 anni con una chitarra in mano. Ha quel tipo di sapore classico, qualcosa che non potresti riprodurre in altre casse bluetooth. Potrebbe anche essere il design leggendari che ci influenza. Ma non ci dispiace.

Il fatto che sia possibile connettersi tramite Wifi o Bluetooth è un vantaggio, come anche i preset. Un piccolo schermo a LED sarebbe stato perfetto per ricordarli, ma probabilmente renderebbe questa altoparlante bluetooth ancora più costoso.

Detto questo, tutti e tre i modelli degli altoparlanti Marshall Multi-room sembrano esaurirsi presto, quindi a quanto pare la gente non si preoccupa molto del prezzo e, ad essere onesti, se potessimo permettercele ci compreremmo tutte queste casse. In parole povere: se cerchi una cassa bluetooth, vai tranquillo con la Marshall Stanmore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *